La messa a disposizione consiste in una richiesta informale attraverso la quale è possibile offrire la propria candidatura ad entrare nel mondo della scuola come docente, personale amministrativo, tecnico e ausiliario. La MAD consente quindi di accedere ad incarichi di supplenza, entrando perciò più velocemente nel mondo del lavoro. Si tratta di uno strumento previsto dal sistema scolastico e che aumenta notevolmente la possibilità di essere contattati da diversi istituti. Tutto ciò che occorre fare è compilare un modulo ed accedere ad una piattaforma in grado di spedire la messa a disposizione a più scuole possibili. Insegniamo.com, ad esempio, permette di entrare in contatto con migliaia di istituti scolastici di tutta Italia, offrendo la possibilità di selezionare una o più province di interesse.

Messa a disposizione: come funziona

La domanda viene opportunamente controllata da un team di tecnici e successivamente inviata alle scuole selezionate. Si tratta di un sistema automatico e molto veloce, che permette ad un aspirante insegnante di poter accedere a qualche incarico provvisorio, cominciando così a fare esperienza. Lo staff di Insegniamo.com è inoltre in grado di fornire tutta l’assistenza necessaria in fase di compilazione e invio della messa a disposizione. All’interno del sito web dedicato alla MAD, è possibile consultare le domande più frequenti, in modo tale da essere certi di eseguire la richiesta nel modo giusto.

Utilizzando il sistema di Insegniamo.com, inviare la messa a disposizione sarà facile e veloce. L’iscrizione alla piattaforma è completamente gratuita ed è inoltre molto semplice. Per la compilazione della MAD, invece, bisognerà inserire i propri dati anagrafici, titoli di studio, specializzazioni ed eventuali esperienze. Successivamente sarà necessario selezionare le province di interesse e l’ordine di scuola della classe di concorso. Dopo aver compilato la domanda, si potrà procedere con il pagamento e infine con l’invio della messa a disposizione.